lunedì 12 novembre 2012

Focaccia genovese

Soundtrack: Love is a losing game (A. Winehouse)

Da quando ho scoperto dalle amiche di Menù Turistico, questa meravigliosa focaccia è sempre presente alle feste dei miei pargoli. Tutti la adorano e soprattutto LA DIVORANO!
Anche all'ultima festa di compleanno, quella del pargolo, ovviamente non mancava: ho preparato abbondante impasto nei giorni precedenti, fatto lievitare e steso in teglia. Poi ho surgelato e scongelato la sera prima di cuocere. Una bontà!



Oltre alla buonissima, e ormai collaudata farina Molino Chiavazza, ho utilizzato l'olio Sidoti, di cui vi parlavo nei giorni scorsi relativamente al mio nuovo contest (non ve ne siete dimenticati, vero???)

A questo proposito voglio mostrarvi cosa ha messo in palio Fabio: ai due vincitori, uno per categoria, uno fra i prodotti qui di seguito

          

Sceglieremo poi un terzo vincitore, per la ricetta che meglio mette in risalto l'uso del buon olio extravergine, a cui andrà proprio una confezione contenente una bottiglia d'olio Sidoti


Veniamo alla nostra focaccia...

Ingredienti (per due leccarde da forno)

500 gr farina (metà 00 e metà manitoba)
circa 250 gr di acqua (da aggiungere poco alla volta fino ad ottenere un impasto elastico)
20 gr lievito di birra fresco (dose perfetta per circa due ore di lievitazione)
2-3 cucchiai di olio EVO
sale 

Dopo la stesura in teglia
mezzo bicchiere di olio EVO
sale grosso
acqua q.b.

Sciogliere il lievito in poca acqua tiepida e lasciar riposare una decina di minuti (fino a quando inizierà a fare le bolle - segnale che il lievito è attivo)
Se impastate a mano formare la classica fontana con le farine, fare un buco al centro dove metterete il lievito, l'olio e poca acqua alla volta. Iniziare a impastare, aggiungere il sale e continuare a lavorare la pasta fino a quando sarà morbida e ben elastica (i passaggi saranno analoghi se impastate con l'impastatrice)
Lasciar lievitare in luogo asciutto e caldo (io di solito in forno, con la luce accesa) per circa 2 ore
Ungere le leccarde da forno o foderare di carta forno. Stendervi l'impasto a circa mezzo cm di spessore e far lievitare per un'altra oretta.
Riprendere le teglie e fare delle fossette con le dita (i classici buchini della focaccia, quelli che rimangono belli umidini e pieni di olio...)
Versare una manciata di sale grosso e ricoprire la superficie di acqua fredda (l'ideale sarebbe che l'acqua bagnasse tutto il fondo e riempisse solo le fossette)
Infornare al massimo della temperatura concessa dal forno (il mio va a circa 250°)
Dopo una decina di minuti, o comunque non appena la focaccia inizia a scurire, tirare fuori dal forno e spennellare abbondantemente di olio. Ripetere dopo due minuti circa e così per una terza volta.



Tagliare direttamente con le forbici e mangiare non appena il calore lo consente !

3 commenti:

  1. E' permesso leccarsi le dita??

    RispondiElimina
  2. buonaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa.
    ciao a presto

    RispondiElimina
  3. ho provato varie volte a farla, ma mai con risultati degni di nota! da provare anche la tua versione - che nientepopodimeno viene direttamente dalle amiche dell'emmeti, quindi sinonimo di garanzia!!

    RispondiElimina